L'acqua corre e scende dal pendžo,

tra sassi e pietre rotola con gaio gorgoglžo.

 

I verdi fili d'erba al suo passar

ondeggiando s'inchinano per salutar.

 

Or bacia la terra e gioiosa saltella,

un concerto di suoni allegramente,

si diffonde nell'aria dolcemente.

 

Ascolta uomo,

non senti nelle valli un dolce mormorio?

E' lei c'or va cantando un inno di lode

al cielo, a Dio.

Giuliana Marinetti