23. Ottobre 2006

Aum-mentare la vibrazione:

La vibrazione dell’anima rappresenta la forza manifesta della comprensione cosciente attraverso il risveglio della coscienza non duale.

La vita che noi viviamo ci insegna a comprendere noi stessi e poi di conseguenza il prossimo e tutto quello che vive o sopravvive all’esterno del nostro essere.

Ad ogni comprensione e salto di coscienza l’essere che si pone di fronte alla Luce del Supremo Essere, risveglia l’origine primordiale della sofferenza (separazione) e poi quello della liberazione (unione con Dio).

In questo senso si può chiaramente dire che per diventare più forti nella propria manifestazione carismatica di Luce, bisogna abbandonare il vecchio per integrare una nuova forma di densità cosciente di Luce.

La coscienza è densa e prende forma nei nostri strati energetici più sottili, permettendo così l’integrazione della propria coscienza universale con quella già presente nelle sfere più sottili o meno sottili (libertà di movimento e d’integrazione nelle diverse realtà).

Come l’essere umano interagisce con il salto di coscienza?

Sono quasi sempre 4 passaggi fondamentali e sono i seguenti:

- Comprensione: entrare nello spazio interiore, conoscendo se stessi.

- Manifestazione: esprimere ciò che è stato compreso dentro di noi (azioni e pensieri).

- Trasmutazione: espansione carismatica della spinta interiore di Luce e di vibrazione (Chakra o Vortici energetici in Luce).

- Liberazione: ritorno allo stadio neutro dell’essere, integrando la comprensione, la manifestazione e il dolore (Chakra o Vortici energetici in stadio rilassato e in colore neutro – Stadio pacifico di coscienza).

 

 

 Creative Commons License

Creative Commons License