29. Novembre 2006

Integrità dell’essere:

Prendete una candela e accendetela, mettetevi in un angolo e pregate, ascoltate il vostro essere, e guardate nell’opposto lato della camera. Il riflesso del lume proietterà la luce in svariati punti dell’abitazione, ma senza avvolgere completamente l’ombra che la possiede.

Questo significa che quando si è in devozione e in preghiera intima, possiamo essere come un lume.

Non è importante pensare di illuminare completamente tutto quanto, le mura, i divani, gli armadi, la cosa che conta è che il nostro lume sia intenso e costante, ma soprattutto intatto.

Se non siamo intatti, siamo influenzabili dall’ombra.

L’integrità dell’anima ha molto a che fare con i legami energetici tra l’interno e l’esterno del nostro essere…

Quindi possedere legami e contatti significa essere soggetti alla manipolazione sottile e alla diminuzione della nostra integrità energetica (vera essenza).

 

27. Novembre 2006

Relatività magnetica:

Il concetto in sé dà un impulso magnetico nella creazione sferica.

Coordinando il concetto attraverso l’impulso primario di concordanza, si impone l’uso del magnetismo polare nel contesto attivo e trasformante nella creazione.

La creazione implica il magnetismo del concetto.

L’attività dell’impulso contrasta la sfericità del magnetismo nel medesimo istante della creazione, liberando da se stessa la sfericità. Per quanto si voglia negare l’esistenza di un attributo contrastante, il concetto relativo di negazione assume la forma sferica riprodotta dall’impulso positivo.

Deriva dall’unione di queste polarità contrastanti l’unione continua sferica mediante impulso circolare, controllato ma svariato nella forma e nella dimensione nelle medesime realtà coscienti.

La parità delle due forze riconduce verso la separazione intelligente e omogenea della creazione, la visione e la maturazione dell’impulso primordiale.

Ogni forma è per questo il sintomo, soggetta alla relatività magnetica stessa nel sintomo, nell’oggetto e nella creazione finale mediante la staticità dell’oggetto.

 

23. Novembre 2006

L’ottava nota:

Il plesso solare è in nostro sole centrale.

Personale in versione ridotta che può essere paragonato alla piccola emanazione cosciente dell’ottava nota solare.

Questo “carburatore” individuale determina i bassi regimi o quelli alti della nostra coscienza…la manifestazione del potere individuale.

Avere bassi regimi significa essere insicuri…

Avere alti regimi significa essere determinati e sicuri…

L’insicurezza nell’ottava nota può portare ad essere costantemente giudicati e ad avere sensi di colpa.

La sicurezza nell’ottava nota può portare ad essere costantemente in giudizio per voi stessi.

Il plesso solare vi permette quindi di mettervi in “dubbio” per non esserlo, decisi per la via che conduce all’amore, alla luce e al potere universale.

 

17. Novembre 2006

Scomposizione molecolare ed autocontrollo:

La pigrizia non ha nulla a che fare con la lentezza, la pigrizia è negativa mentre la lentezza è saggia.

Chi compie tutto senza essere esposto alle emozioni, prosegue nella lentezza passo per passo verso la Luce oltre l’illusione della grandezza.

La lentezza possiede un’accelerazione. Esso anche se lento, possiede un moto uniformemente accelerato. Questo processo dipende dallo spazio in cui si trova la persona che desidera porsi nella crescita o nell’evoluzione mediante il tempo.

Da cosa è determinata l’evoluzione? Oggi le persone sono influenzate dall’aumento di vibrazione della terra, ovvero prima che noi decidemmo di evolvere lo aveva già deciso la Madre Terra, poiché anch’essa possiede un’anima e una coscienza intelligente.

Di conseguenza come suoi figli, anche noi siamo soggetti all’aumento di vibrazione, accelerazione naturale (in spirale) di coscienza mediante “scomposizione molecolare” dei corpi sottili e fisici.

Per farla in breve se un corpo inizia a ruotare con un ritmo elevato, molto elevato trasmuta. Avviene un cambio di dimensione (es.: dinamo di una bicicletta, frullatore, centrifuga della lavatrice o forno microonde ecc.).

Questo moto determina la manifestazione della Luce.

Sulla base di questa teoria si può chiaramente comprendere l’oscurità, poiché ciò che oggi è instabile esce a galla, alla luce del giorno.

Con questa suddivisione naturale ed intelligente, chi vive nella coscienza o cerca perlomeno di vivere nella coscienza universale, potrà comprendere meglio la via che conduce alla realizzazione del se.

Il tutto in modo sano, naturale, pacifico e lento.

 

13. Novembre 2006

Realizzazione del Sé:

Nel sentiero che ci riconduce alla fonte del sapere esistono principalmente due vie parallele che spesso s’intrecciano tra di loro, la via bianca e la via oscura. Esse sono di uguale potenza, ma di opposta polarità, una è positiva mentre l’altra è negativa. (essere libero, essere inprigionato)

Spesso ci succede che dopo un periodo di felicità avviene poi quello d’infelicità, e dopo si ritorna nella felicità. Questo processo indica che noi siamo soggetti nella trasformazione dell’anima, al salto di coscienza nell’alto e nel basso per la legge dell’equilibrio degli opposti, ma esso dovrebbe includere la trascendenza bianca.

Questi effetti positivi e negativi sono determinati dalla spirale della vita, che in moto rotatorio orario o antiorario , possono condurre alla fonte dell’alto o alla fonte del basso.

Gli effetti positivi determinano una vita in continuo flusso, cambiamento…

Gli effetti negativi determinano una vita in continuo non flusso, decadimento…

Questo significa che se avete scelto di sfruttare la spirale che conduce alla trascendenza bianca, abbracciate il “nuovo”, abbandonando i vecchi schemi. (Intelligenza del cuore)

Questo significa che se avete scelto di sfruttare la spirale che conduce alla trascendenza oscura, abbracciare il “vecchio”, rifiutando il nuovo. (Ignoranza dell’ego)

Quest’ultima affermazione implica che se la vostra vita è composta dalle stesse situazioni, dalle stesse conoscenze…non riuscirete ad andare oltre all’insicurezza del vostro piccolo spazio di realtà, per abbracciare quindi l’oltre, l’oltre assoluto, che vi pone di fronte alle prove della crescita nella realizzazione del sé.

 

9. Novembre 2006

Veicolo di ripristino:

Durante il giorno abbiamo la possibilità di sperimentare la vita, in ogni sua sfumatura, in ogni sua forma…il tramite che è la coscienza universale determina la qualità della nostra vita nel giorno.

Per poter comprendere la stessa qualità di vita della notte, dovremmo comprendere come svolgere i nostri compiti giornalieri e come porci poi di conseguenza alle nostre notti.

Se un uomo compie nella giornata il servizio di devozione in modo coerente e giusto, il tutto che si tramuta in manifestare nel giorno, poi si trasforma in ricezione e nell’elaborazione d’informazioni nella notte.

Il giorno si vive, così come la notte.

Concentrare la propria consapevolezza nel giorno, significa dimenticarsi della vitale importanza delle ore di pace che possiamo vivere nel sonno, punto fondamentale di rielaborazione dati per dimensioni o piani di coscienza che giungono silenti per istruirci.

Il giorno vi prepara alla notte e la notte vi prepara al Giorno Nuovo.

Questa è la proiezione del piano trittico di coscienza.

 

7. Novembre 2006

Volere personale o Volere non personale?

Considerando che l’essere supremo è una fonte irraggiungibile ed infinita, noi come immagine e somiglianza di essa, dovremmo cercare di essere quasi come Lui. Irraggiungibili ed infiniti.

Man mano che vi renderete irraggiungibili quanto la fonte super cosciente, e man mano la vera vita si avvicinerà a voi, come immagine dell’opposto che è appunto tangibile e chiara quanto la richiesta dell’arrivo nell’irraggiungibile…fonte primaria di calore e di vita.

Essere raggiungibili significa essere esposti ad ogni tipo di energia…

Essere raggiungibili significa essere mentali…poiché quello che si vuole raggiungere appartiene al non flusso cosciente, e all’esigenza del proprio volere.

Essere raggiungibili significa vivere la dualità.

Sulla base di questo principio, si può comprendere il significato d’abbandono.

Quando vi abbandonate completamente all’essere supremo, all’energia super cosciente, quello che volevate forzatamente trovare, si presenterà a voi nitido e chiaro ma soprattutto nel flusso cosciente privo di volere personale.

 

 

 Creative Commons License

Creative Commons License